Ass. Kigelia: lo statuto - Kigelia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ass. Kigelia: lo statuto

Conosci Kigelia > Lo statuto

Sei in Conosci Kigelia / Lo statuto

 

Lo statuto di Kigelia (art. 10 - 19)                    scarica lo statuto in pdf


ART.10 (Indicazione degli organi) –  Sono organi di partecipazione democratica e direzione dell’associazione: Assemblea generale  degli iscritti, Consiglio direttivo, Presidente .

ART.11 (Convocazione dell’assemblea) - L’assemblea generale degli iscritti può essere ordinaria o straordinaria. Il consiglio deve convocare  l’assemblea ordinaria dei soci almeno una volta l’anno entro il trenta Aprile.  Inoltre può convocare quando crede necessario altre assemblee ordinarie o straordinarie. La convocazione avviene tramite avviso scritto contenente la data  e l’ora di prima convocazione e di seconda convocazione nonché l’ordine del  giorno, da inviare ad ogni iscritto almeno sette giorni prima.

ART.12 (Struttura dell’assemblea) – L’assemblea è formata da tutti i soci ed è presieduta dal Presidente del Consiglio  direttivo e in caso di sua assenza dal vice-presidente. Nel caso di assenza di entrambi l’assemblea elegge un proprio Presidente. Il Segretario ha il compito di stendere il verbale dell’assemblea, accerta la regolarità della convocazione  e costituzione, il diritto di intervenire e la validità delle deleghe.(

ART.13 (Regole dell’assemblea) - L’assemblea può essere sia ordinaria che straordinaria L’assemblea ordinaria è regolarmente costituita, in prima convocazione, alla presenza della metà più uno dei soci con diritto di voto  e delibera a maggioranza assoluta dei voti di questi ultimi. In seconda convocazione l’assemblea è regolarmente costituita qualunque sia il numero degli intervenuti e delibera a maggioranza semplice sulle questioni poste all’ordine del  giorno. L’assemblea straordinaria è valida in prima convocazione quando sono presenti almeno i due terzi dei soci con diritto di voto e delibera a maggioranza assoluta dei voti di quest’ultimi; in seconda convocazione qualunque sia il  numero dei soci con diritto di voto. Ogni delibera avviene a scrutinio palese salvo diversa richiesta da parte dei due terzi dei presenti. Hanno diritto di voto tutti i soci in regola con il pagamento della quota sociale. Nelle deliberazioni di approvazione  del bilancio ed in quelle che riguardano la loro responsabilità gli amministratori/consiglieri non hanno diritto al voto. Ogni socio ha diritto ad un voto. E’ ammessa una sola delega per ciascun socio.

ART. 14 (Compiti dell’assemblea) - L’assemblea ordinaria delibera su qualsiasi proposta venga presentata alla sua attenzione e in particolare: nomina (o sostituzione) dei membri del Consiglio direttivo; approvazione dei rendiconti preventivi  e consuntivi, delle relazioni annuali del consiglio direttivo; approvazione dei programmi dell’attività da svolgere; deliberazione su ricorso presentato da un socio che è stato espulso: la deliberazione dell’assemblea è inappellabile;   approvazione dell’attività del Consiglio direttivo Le decisioni prese dall’Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, impegnano tutti i soci sia dissenzienti che assenti. Ogni socio ha diritto di consultare il verbale dei lavori dell’assemblea redatto dal segretario e sottoscritto dal Presidente.

ART. 15 (Variazioni dello statuto) – Le variazioni dello Statuto devono essere approvate da un’assemblea straordinaria

ART. 16 (Consiglio direttivo) – Il Consiglio direttivo è formato da  3 a 5 membri ( Presidente, vice-presidente, segretario, consiglieri) e si riunisce di norma una volta al mese. Il Consiglio direttivo dura in carica per un triennio e può  venire rieletto

ART. 17 (Compiti del Consiglio direttivo) - E’ di pertinenza del Consiglio direttivo tutto quanto non sia per legge o per statuto di pertinenza esclusiva dell’Assemblea dei soci o di altri organi e comunque sia di ordinaria amministrazione.  In particolare i compiti del Consiglio direttivo sono: eseguire le delibere dell’assemblea, eleggere il Presidente, che sarà presidente dell’Assemblea e del Consiglio direttivo, nominare il segretario, formulare i programmi di attività  sociale sulla base delle linee approvate dall’Assemblea, predisporre il rendiconto annuale, predisporre tutti gli elementi utili all’Assemblea per la previsione e la programmazione economica dell’anno sociale, deliberare circa l’ammissione dei soci, deliberare circa le azioni disciplinari nei confronti dei soci, stipulare tutti gli atti e contratti inerenti le attività sociali, assumere il personale, curare la gestione di tutti i beni mobili e immobili di proprietà dell’associazione o ad essa affidati, redazione- modifica- revoca di regolamenti interni per disciplinare, in armonia con il presente statuto, aspetti ulteriori riguardanti l’organizzazione e le attività dell’associazione e dei soci, stabilire  l’ammontare della quota associativa

ART. 18 (Compiti del Presidente) - I compiti principali del Presidente sono: rappresentare l’associazione di fronte a terzi e stare in giudizio per conto della stessa; convocare e presiedere le riunioni del Consiglio direttivo e dell’Assemblea;  deliberare spese in nome e per conto dell’associazione al di fuori di quanto stabilito dall’Assemblea e dal Consiglio direttivo per un importo massimo deciso ogni anno dall’Assemblea ordinaria,  deliberare entro i limiti suddetti  su tutte le questioni che per legge o per statuto non siano di competenza dell’assemblea dei soci o del Consiglio direttivo o di altro organo dell’associazione.

ART. 19 (Compiti del Segretario) – Il segretario coadiuva il presidente e ha i seguenti compiti: provvede alla tenuta ed all'aggiornamento  del registro dei soci; provvede al disbrigo della corrispondenza; è responsabile della redazione e della conservazione dei verbali delle riunioni degli organi collegiali; predispone lo schema del progetto di bilancio preventivo e consuntivo; provvede  alla tenuta dei registri e della contabilità dell'associazione nonché alla conservazione della documentazione relativa; provvede alla riscossione delle entrate e al pagamento delle spese in conformità alle decisioni del comitato; è a capo  del personale e ne verifica l’operato.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu